Gli imperdibili di aprile

daniela.santroni | marzo 31st, 2012 - 16:16

GLI IMPERDIBILI – rassegna di cinema d’autore
CINEMA S. ANDREA

Tutti i lunedì
h 16.40 – 18.40 – 21.15

Ingresso € 5
Ridotto soci € 4
Abbonamento soci € 9

Tessera soci 2012  € 5

Tel. cinema 085.4215797 – Tel. movimentazioni 085.4429521

Prima della visione potrai gustare gratuitamente un thé del commercio equo e solidale e un pezzo di torta casareccia!

LUNEDÌ 02 APRILE – LE NEVI DEL KILIMANGIARO

Le Nevi del Kilimangiaro di Robert Guédiguian, con Ariane Ascaride, Jean-Pierre Darroussin, (drammatico, 107′, 2011, Francia, Sacher Distribuzione. Presentato nella sezione Un Certain Regard alla 64^ edizione del Festival di Cannes.)

Trama: nonostante sia stato appena licenziato, Michel è felice accanto alla sua Marie-Claire e ai loro figli. Un giorno, due uomini armati e mascherati fanno irruzione nella loro casa e, dopo averli picchiati e legati, li derubano. In seguito, quando Michel e sua moglie scoprono che l’aggressione è stata organizzata da un suo ex-compagno di lavoro che era stato licenziato insieme a lui, ne sono sconvolti, poi capiscono che l’uomo è stato costretto a rapinare per necessità, poiché deve provvedere al sostentamento dei due fratellini, abbandonati dalla madre e che non hanno mai conosciuto il loro padre.

Perché vederlo: un dramma francese nel quale i due protagonisti si rendono conto che dietro la rapina subita c’è una famiglia in difficoltà e decidono di prendersi cura dei figli del loro aggressore; per vedere come si sviluppano i rapporti tra i due, i loro nuovi ‘figli’ e le dinamiche del loro rapporto.

LUNEDÌ 16 APRILE – MIRACOLO A LE HAVRE

Miracolo a Le Havre (Le Havre) di Aki Kaurismäki con André Wilms, Kati Outinen, Jean-Pierre Darroussin, (commedia/drammatico, 93′, 2011, Francia/Germania/Finlandia, Bim Distribuzione. Premio della Critica Internazionale FIPRESCI; Selezione Ufficiale Festival di Cannes)

Trama: Marcel Marx, ex scrittore e noto bohémien, si è ritirato in una sorta di esilio volontario nella città portuale di Le Havre, dove sente di aver costruito un rapporto di maggiore vicinanza con la gente, che serve praticando l’onorevole ma poco redditizio mestiere del lustrascarpe. Abbandonata ogni velleità letteraria, vive felicemente dividendosi tra il suo bar preferito, il lavoro e la moglie Arletty, quando all’improvviso il destino mette sulla sua strada un piccolo profugo arrivato dall’Africa. Ancora una volta Marcel deve affrontare il freddo muro dell’indifferenza umana armato solo del suo innato ottimismo e della solidarietà della gente del suo quartiere.

Perché vederlo: un film agrodolce nel quale un uomo che si ritrova ad affrontare un grave dramma familiare, trova una ragione di vita nell’incontro con un ragazzino straniero bisognoso di aiuto. Tematiche attuali affrontate con leggerezza ma non con superficialità.

LUNEDÌ 23 APRILE – ALMANYA

Almanya – La mia famiglia va in Germania di Yasemin Samdereli con Vedat Erincin, Fahri Ogün Yardim (commedia, 97′, 2011, Germania, Teodora Film)

Trama: dopo una vita di sacrifici, il patriarca Hüseyin, emigrata in Germania dalla Turchia negli anni ’60, ha finalmente realizzato il sogno di comprare una casa nel suo paese d’origine, e ora vorrebbe farsi accompagnare fin lì da figli e nipoti per risistemarla. La famiglia al completo si mette in viaggio e alle nuove avventure nella terra d’origine si intrecciano i ricordi tragicomici dei primi anni in Germania, quando la nuova patria sembrava un posto assurdo in cui vivere. Lungo il tragitto, però, vengono a galla molti segreti del passato e del presente, e tutta la famiglia si troverà ad affrontare la sfida più ardua: quella di restare unita.

Perché vederlo: per assistere ad una irresistibile commedia che ripercorre il passato di una famiglia turca che negli anni ’60 emigrò in Germania in cerca di nuove possibilità di vita e di lavoro. Un pezzettino di storia d’Europa, ma raccontato con cuore e leggerezza.

 

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.